Decreto liquidità: aiuti concreti alle imprese

Per metà maggio è previsto un nuovo decreto governativo per fornire un concreto sostegno alle aziende in difficoltà

Contributi a fondo perduto per sostenere l’innovazione tecnologica, gli investimenti mirati e la capitalizzazione faranno parte degli aiuti destinati a sostenere le imprese, attualmente in forte difficoltà a causa della forzata interruzione delle attività economiche

Gli aiuti saranno inseriti del prossimo decreto liquidità che uscirà verso la metà di questo mese. 

Alcuni degli aiuti già messi in campo

Garanzia Italia ha già concesso un importantissimo prestito di ben 10 milioni di euro e altri 12 miliardi e mezzo di euro sono già pronti per contribuire alla ripresa economica. 

La banca di secondo livello MCC (Mediocredito Centrale) ha fatto sapere che, tra il mese di marzo e il mese di aprile 2020, sono state inoltrate quasi 66 mila domande da parte di PMI (Piccole e Medie Imprese). Di queste, poco meno della metà sono state accolte, facendo circolare così 4,6 miliardi di euro di finanziamento. 

Lo Stato è presente ma servono maggiori fondi nel Decreto liquidità

Tutti questi prestiti sono totalmente garantiti dallo Stato Italiano. La Repubblica, dunque, sta intervenendo ma siamo solo agli inizi. Le piccole imprese, le botteghe artigiane di tutta Italia, hanno bisogno di un volume maggiore liquidità. 

Urgentemente, se no sarà il fallimento per tanti e questo Roma non può e non deve permetterlo. 

Alessandro Maria Raffone