28 aprile: Giornata Nazionale per la Sicurezza sul Lavoro

lavoro (pixabay)

lavoro (pixabay)

La Giornata Nazionale della Salute e della Sicurezza nei luoghi di Lavoro, che si celebra il 28 aprile, è nata per favorire nei governi, nei datori di lavoro e nei lavoratori un impegno costante che garantisca un ambiente sicuro e dia la massima priorità alla prevenzione

In occasione della Giornata Nazionale per la sicurezza sul lavoro, è giusto che vengano riportati i dati relativi a quanti incidenti sono capitati nello scorso anno, avendo avuto un aumento di circa il 10%.

Le statistiche

I dati sono allarmanti. Circa 641mila lavoratori, nel 2018, hanno subìto un incidente sul lavoro: l’84,6% degli incidenti è capitato sui luoghi di lavoro; il restante, invece, durante il tragitto casa-lavoro. La cosa sconvolgente è che un aumento della percentuale è stata registrata , purtroppo, per gli incidenti sul lavoro con esito mortale (circa il +10,1%), soprattutto quando vengono utilizzati mezzi di trasporto per lavorare.

In Italia, tra il 2017 e 2018, il maggior numero di incidenti sul lavoro è stato registrato a Crotone (6,3 ogni mille); nel 2018 a Gorizia, invece, è stato registrato il maggior numero malattie professionali tumorali (22,5%); la maglia nera, però, per il numero assoluto di malattie cancerogene imputabili al lavoro spetta a Taranto (il 70% dei tumori denunciati è relazionato al settore metalmeccanico) seguita da Torino, Napoli, Novara e Milano.

Primi in classifica per gli infortuni mortali ci sono altre province del Sud, ci sono Crotone, Isernia e Campobasso. I decessi registrati dall’Inail nel 2018 sono 1.133 (786 in occasione di lavoro), per cui ogni mille eventi di infortunio, 1,8 hanno comportato la morte del lavoratore.

Settore edile

Il settore dell’edilizia rimane il più colpito a causa degli infortuni e per il fenomeno delle malattie professionali. I sindacati dei lavoratori edili FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil organizzano una iniziativa in occasione del SafeDay, la giornata mondiale della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. Il 30 aprile, infatti, dalle ore 10 saranno in piazza Montecitorio per ricordare tutte le vittime sul lavoro.

Settore agricolo

Per quanto riguarda questo settore, quello dell’agricoltura, gli incidenti sul lavoro calano. Infatti è stato registrato un calo del 7% dei casi mortali (da 141 a 131) e dell’1,8% degli infortuni (da 33.820 a 33.207).

Nonostante questo calo è comunque importante continuare sulla strada per la prevenzione, senza mai tralasciare il benessere e la sicurezza del lavoratore, affinché questa diminuzione venga registrata in qualunque settore lavorativo.

Come indicato nel Testo Unico sulla Sicurezza, Art. 47:

In tutte le aziende, o unità produttive, è eletto o designato il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza;

Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è istituito a livello territoriale o di comparto, aziendale e di sito produttivo.

Anna Petito