4 settembre 2018 il D-day del GDPR!

Dal 19 settembre 2018 niente più scuse per le aziende circa l'adeguametno al GDPR.

Niente più scuse per le aziende: il decreto legislativo del 10 agosto 2018, numero 101  concernente il GDPR è stato pubblicato (e quindi reso valido a tutti gli effetti) il 4 settembre 2018 nella Gazzetta Ufficiale

Come abbiamo più volte ricordato (ad esempio qui, https://www.psbconsulting.it/ultimi-aggiornamenti-sul-gdpr/) il GDPR (General Data Protection Regulation) è entrato in vigore, in Europa, il 24 maggio 2018. La differenza tra i vari paesi europei è scattata quando ogni nazione, afferente all’Unione Europea, è stata chiamata ad adeguare la propria normativa sulla privacy e la sicurezza al GDPR. Roma, purtroppo, non è stata tra le prime capitali ad adeguarsi alla nuova normativa sulla privacy e la sicurezza. Soltanto il 10 agosto 2018, con il decreto del 10 agosto (numero 101), il Governo ha legiferato sull’adeguamento della normativa italiana vigente al GDPR.

Le aziende non hanno più scuse per adeguarsi al GDPR

Questo ritardo ha avuto come conseguenza un rilassamento generalizzato da parte delle aziende italiane circa l’adeguamento al Regolamento 679\16. Ora, però, non potranno più accampare scuse: a partire dal 19 c. m. saranno obbligati per legge ad adeguarsi al Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati. Il Garante della Privacy vigilerà affinché le regole e le norme siano rispettate. Alcune società, come la PSB Consulting, hanno preparato da tempo tutta una serie di progetti e di proposte per assistere le aziende nei diversi adempimenti previsti per legge.

Cosa succede agli inadempienti?

Per chi non rispetterà le regole sono state previste sanzioni pecuniarie molto pesanti: multe che andranno fino al 4% del fatturato annuo globale o fino a 20 milioni di euro. Come ha dichiarato Francesco Modafferi, dirigente del Garante della Privacy, le autorità non partiranno subito con l’acceleratore per quanto riguarda le sanzioni da infliggere, per almeno 8 mesi, applicando così una certa gradualità. Ciononostante le aziende, le società e i diversi enti, pubblici e privati, devono al più presto mettersi in regola.

Pertanto vi consigliamo di consultare PSB Consulting ai seguenti recapiti: info@psbconsulting.it, 081\5704220

//]]>