Aiuti alle imprese manifatturiere

Aiuti alle imprese manifatturiere per i maggiori costi legati alla crisi energetica

L’Avviso si basa sulle considerazioni che la Commissione Europea ha elaborato riguardo alle incertezze economiche e allo sconvolgimento dei flussi commerciali e delle catene di approvvigionamento dovute agli aumenti di prezzo elevati e imprevisti di materie prime, gas ed energia.

La Regione Campania intende pertanto intervenire a sostegno delle imprese manifatturiere operanti sul territorio regionale per la mitigazione degli effetti della crisi internazionale, con riferimento ai fabbisogni di liquidità determinati dall’incremento delle spese legate al consumo energetico.

Dotazione finanziaria: 58.000.000,00 €.

Presentazione della domanda: dalle ore 12:00 del 4 novembre 2022 alle ore 12:00 18 novembre 2022.

Richiedi una consulenza gratuita
Soggetti Ammissibili

L’ Avviso è rivolto alle imprese che, al momento della presentazione della domanda, hanno una sede operativa in Campania, sono registrate ed attive presso il Registro Imprese competente per territorio ed hanno dichiarato in visura un codice ATECO primario e/o prevalente compreso tra quelli riportati nella Sezione C – ATTIVITÀ MANIFATTURIERE, con le eccezioni previste alla nota 4 all’Allegato II del decreto.

Dotazione finanziaria

Le risorse disponibili per il finanziamento ammontano complessivamente a 58.000.000,00 €.

La misura potrebbe essere soggetta a ampliamenti futuri.

Spese Ammissibili

L’aiuto è calcolato in percentuale del 30% sull’aumento del costo energetico (gas o elettrico o entrambi) (rispetto alle tariffe 2021), e fa riferimento al periodo compreso tra l’1° febbraio 2022 e la data dell’ultima fattura di fornitura disponibile.

Le fatture devono essere emesse nei confronti dell’impresa che partecipa alla procedura e riferite ad una o più sedi operative ubicate in Campania. Non sono utilizzabili per utenze personali.

In caso di impresa con più sedi operative in Campania, l’impresa presenterà un’unica domanda dichiarando i consumi fino ad un massimo di tre sedi e il differenziale sarà considerato in maniera cumulata.

L’aiuto sarà concesso unicamente alle imprese che hanno registrato un aumento minimo di € 5.000,00 e l’importo massimo concedibile ammonta a € 20.000,00 per impresa.

I costi di fornitura dell’energia saranno calcolati al netto dell’IVA. Rientrano nei costi ammissibili tutti i valori che determinano l’imponibile IVA (es. materia energia, oneri sistema, trasporto e gestione contatore).

Iter di presentazione della domanda

Le domande di agevolazione potranno essere presentate esclusivamente in via telematica a partire dalle ore 12:00 del giorno 4 novembre 2022 e fino alle ore 12:00 del giorno 18 novembre 2022.

La domanda è resa nella forma di autocertificazione e deve essere presentata esclusivamente dal titolare/legale rappresentante dell’impresa richiedente.

La domanda di agevolazione è soggetta al pagamento dell’imposta di bollo.

Erogazione del contributo

L’erogazione del finanziamento avviene in unica soluzione mediante accredito sul conto corrente bancario e/o postale (IBAN) indicato nella domanda di partecipazione.

La Regione Campania declina ogni responsabilità in caso di erronea comunicazione del codice IBAN immesso in sede di presentazione. Questo determina la decadenza e l’archiviazione della domanda, in quanto l’IBAN inserito nella domanda non è modificabile.