Ancora incidenti sul lavoro, da Varese e Savona

Cantiere

Due morti, direttamente da Varese e Savona, sul luogo di lavoro; il bilancio aumenta purtroppo vertiginosamente

 

Non è tollerabile che si continui a morire sul posto di lavoro”, così dichiara Luca Maestripieri, segretario generale della Cisl Liguria. L’uomo stava verniciando il tetto della stiva ed è precipitato nel vuoto. “Assurdo, inaccettabile – prosegue Maestripieri – “attendiamo che venga fatta piena luce sulla dinamica dell’incidente e sulle eventuali responsabilità, ma intanto non possiamo che constatare con sdegno che continua senza sosta questo bollettino di guerra con incidenti che mietono vittime senza soluzione di continuità nell’indifferenza generale. La politica si ricorda degli incidenti e delle morti solo quando serve a fare propaganda. Servono subito assunzioni nel pubblico impiego per irrobustire la rete dei controlli, la politica capisca una volta per tutte che la vita di chi lavora deve essere davvero la priorità di uno Stato civile”. Queste le dichiarazioni provenienti dalla Liguria, ma applicabili anche alla tragica sorte toccata al sessantenne di Varese morto sul colpo.

L’incidente di Varese

Bruttissimo incidente, mortale, per un uomo di 60 anni, mentre lavorava a Solbiate Arno (VA). Il sessantenne era a lavoro all’interno di un impianto sito in Corso Roma, il tutto attorno alle 14:30 della giornata di ieri. Si tratta di Giuseppe Mazzetti, originario di Sumirago. Pronto l’intervento del 118 con un’ambulanza e un’automedica della Croce Rossa Italiana di Gallarate. I sanitari hanno operato in codice rosso, i carabinieri sono stati avvertiti insieme ai periti e anche i funzionari dell’Agenzia tutela della salute. Stando alle prime ricostruzioni, pare che l’uomo stesse aggiustando una cabina elettrica mentre è rimasto folgorato da una tremenda scossa.

L’incidente di Savona

Un operaio, il ponte di una nave (ormeggiata negli “Alti Fondali” del porto di Savona), la caduta nella stiva e la morte. Questi gli elementi dell’ennesimo incidente sul luogo di lavoro, stavolta mortale. Il tutto sulla nave Ilektra, un cargo con bandiera della Liberia, di proprietà del gruppo Virgin. Stando a quanto si apprende, l’operaio stava pittando il tetto della stiva quando è precipitato da oltre 20 metri d’altezza. All’arrivo dei soccorritori, non c’è stato più nulla da fare.

 

Cristiano De Stefano