BANDO CONTRIBUTI PER FAVORIRE LE PRODUZIONI DEL TERRITORIO E L’INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE INIZIATIVE FIERISTICHE PROGRAMMATE IN ITALIA E ALL’ESTERO DAL 1° GENNAIO 2024 AL 30 APRILE 2024

La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura, allo scopo di promuovere la conoscenza dei prodotti casertani e la loro diffusione, e di incentivare i processi di internazionalizzazione delle imprese di produzione del territorio, eroga contributi finalizzati alla copertura parziale delle spese sostenute per la partecipazione a fiere in Italia e all’ Estero.

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono accedere al contributo le imprese che hanno sede legale e/o sede operativa in provincia di Caserta, iscritte al Registro delle Imprese tenuto dalla C.C.I.A.A. di Caserta, risultanti attive nel Repertorio Economico Amministrativo già nel momento di presentazione della domanda, esercenti attività di produzione di beni/servizi e/o di trasformazione, assemblaggio, ideazione, creazione, manipolazione, presentazione, ecc., che valga, in qualche modo, a differenziare l’attività dalla mera intermediazione commerciale e/o distribuzione.

Qualora l’impresa non abbia sede legale in provincia di Caserta, per poter accedere ai benefici occorre che “l’unità locale” presente sul territorio provinciale ospiti l’attività produttiva, o una fase di questa, non essendo sufficiente che in essa si svolgano funzioni meramente amministrative, gestionali o di semplice deposito. Quando la richiesta di contributo promani da un Consorzio, le singole imprese consorziate non possono, per la stessa manifestazione, accedere al beneficio.

TIPOLOGIE DI INTERVENTI AMMISSIBILI

Per poter accedere al contributo è necessario:

a) essere in regola con il versamento del diritto annuale, di cui alla legge n. 51 del 26.02.1982 e s.m.i..

 b) essere in regola, all’atto della presentazione della domanda, con gli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali ed assistenziali. Il riscontro di posizione NON regolare verificata attraverso il DURC all’atto della presentazione della domanda comporterà il rigetto immediato dell’istanza per mancanza di requisito. I soggetti noncensiti ai fini DURC dovranno rendere apposita dichiarazione che sarà sottoposta a verifica e il contributo, se ammissibile, sarà erogato solo successivamente al positivo riscontro da parte degli Enti competenti in materia. Il richiedente, pertanto, verificherà la regolarità della posizione prima dell’inoltro della domanda di contributo, non essendo prevista la possibilità di sanare successivamente eventuali irregolarità.

 c) aver assolto gli obblighi contributivi ed essere in regola con le normative sulla salute e sicurezza sul lavoro di cui al D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.;

 d) risultare “attive” al momento della presentazione della domanda (denuncia di inizio attività registrata nel R.E.A.);

f) non aver chiesto e/o ricevuto per la stessa iniziativa altri contributi di fonte pubblica a copertura delle spese oggetto del contributo;

 g) non essere sottoposte a procedura concorsuale, né trovarsi in stato di liquidazione giudiziale, di liquidazione, anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo, scioglimento volontario, piano di ristrutturazione dei debiti o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente;

 h) non essere in stato di difficoltà, ai sensi dell’art. 2 punto 18 del Regolamento 651/2014 della Commissione europea;

 i)aver restituito le agevolazioni pubbliche godute per le quali è stata già disposta la restituzione;

 j) non avere legali rappresentanti, amministratori (con o senza poteri di rappresentanza) e soci per i quali sussistano cause di divieto, di decadenza, di sospensione previste dall’art. 67 del D.lgs. 6 settembre 2011, n.159 (Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia). I soggetti sottoposti alla verifica antimafia sono quelli indicati nell’art. 85 del D.lgs. 6 settembre 2011, n.159 citato;

 k) non essere nelle condizioni che non consentono la concessione delle agevolazioni ai sensi della normativa antimafia (D.lgs. 6 settembre 2011, n.159 cit., art. 83, comma 3, lettera e);

 l) essere in regola con la disciplina antiriciclaggio e antiterrorismo di cui al D.lgs. 21 novembre 2007, n. 231

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili, ai fini della determinazione del contributo e del suo ammontare, le spese di seguito elencate:

✓ noleggio area espositiva e servizi fieristici di supporto alla presenza in fiera (ivi comprese le quote obbligatorie di iscrizione alla manifestazione e nel catalogo della stessa, assicurazione, pulizia stand, interpretariato, servizio hostess);

 ✓ allestimento spazio espositivo;

✓ spedizione, curata da un soggetto terzo, dei prodotti da esporre;

Non concorrono alla determinazione del contributo le spese di viaggio, vitto e alloggio del personale incaricato di presenziare alla fiera né quelle a diverso titolo sostenute.

ENTITA’ E FORMA AGEVOLAZIONE

Quando l’importo complessivo delle spese ammissibili non superi i 2.000,00 euro, la domanda di contributo è inammissibile.  La misura del contributo è determinata sulla scorta dell’importo che le imprese, all’atto della presentazione dell’istanza, preventivano di sostenere o dichiarano di aver sostenuto, compilando

obbligatoriamente l’apposito riquadro della domanda (in caso di mancata compilazione, il riquadro sarà considerato come valorizzato con l’importo minimo di € 2.000,00) e in base alle seguenti regole:

Fiere in ITALIA

Tipologia beneficiarioArea geografica nella quale si svolge la fieraImporto massimo del contributoImporto % contributo
Imprese aventi SEDE LEGALE in provincia di CasertaRegione Campania€ 5.000,0050% delle spese ammissibili rendicontate (calcolato sugli imponibili delle fatture)
Imprese aventi  SEDE LEGALE in provincia di CasertaITALIA con esclusione della Regione Campania€ 10.000,0050% delle spese ammissibili rendicontate (calcolato sugli imponibili delle fatture)
Imprese aventi SEDE OPERATIVA in provincia di CasertaITALIA Inclusa la Regione Campania€ 2.000,0050% delle spese ammissibili rendicontate (calcolato sugli imponibili delle fatture)

Fiere all’ ESTERO

Tipologia beneficiarioImporto massimo del contributoimporto % contributo
Imprese aventi SEDE LEGALE in provincia di Caserta€ 10.000,0050% delle spese ammissibili rendicontate (calcolato sugli imponibili delle fatture)
Imprese aventi SEDE OPERATIVA in provincia di Caserta€ 2.000,0050% delle spese ammissibili rendicontate (calcolato sugli imponibili delle fatture)

Nell’ipotesi di condivisione dello spazio espositivo tra due o più imprese, ivi comprese le imprese e/o i marchi rappresentati (se non di proprietà/licenza dell’espositore), come risultante dal catalogo espositori predisposto dagli organizzatori della fiera, il contributo sarà ridotto in misura strettamente

SCADENZA

L’istanza deve essere trasmessa esclusivamente a mezzo PEC – Posta Elettronica Certificata all’indirizzo: promozioneregmercato@ce.legalmail.camcom.it, dalla data di pubblicazione del bando sull’Albo camerale On line fino alle ore 12.00 del 10 maggio 2024.