Bando per l’abbattimento dei tassi di interesse sui finanziamenti

Napoli riparte con il bando per il sostegno al credito finalizzato alla concessione di contributi camerali a fondo perduto alle MPMI della provincia di Napoli per l’abbattimento dei tassi di interesse sui finanziamenti

La Camera di Commercio di Napoli emana un Bando per la concessione di contributi a fondo perduto alle MPMI della provincia di Napoli per l’abbattimento dei tassi d’interesse sui finanziamenti finalizzati a favorire gli investimenti produttivi e la liquidità necessaria per la gestione aziendale.

Scadenza bando: 31/12/2021 ore 20:00.

Richiedi una consulenza gratuita
Tipologia ed entità dell'agevolazione

Il fondo stanziato per l’iniziativa di cui al presente Bando ammonta all’importo complessivo di 4.500.000,00 (quattro milioni cinquecentomila/00).

L’ausilio consiste in un apporto a fondo perduto erogato in un’unica soluzione finalizzato all’abbattimento del tasso d’interesse (TAEG) sui finanziamenti concessi da banche, società di leasing e altri intermediari finanziari iscritti all’Albo unico di cui all’art. 106 TUB – con contratti stipulati a partire dal 01/01/2020 al 31/12/2021.

L’entità dell’abbattimento del costo di ciascun finanziamento viene determinato nella misura fino a 3 punti percentuali del tasso di interesse effettivo corrisposto dalle micro, piccole e medie imprese, fino ad un ausilio massimo di € 5.000,00 per ciascuna impresa richiedente, con durata temporale massima del finanziamento pari a 6 anni.

Le istanze di ammissione all’ausilio debbono essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica attraverso lo sportello on-line “Contributi alle imprese” all’interno del sistema WebTelemaco di Infocamere, a partire dalle ore 08:00 del 25/06/2021 fino alle ore 20:00 del 31/12/2021.

Documentazione occorrente
  1. Contratto di finanziamento con piano di ammortamento;
  2. VISURA della CCIAA;
  3. Anagrafica completa Ditta/Società con indicazione di mail, numeri telefonici/Fax e cellulari del legale rappresentante;
  4. Documento di identità del legale rappresentante;
  5. Carta nazionale dei servizi/Firma digitale;
  6. Matricola INPS;
  7. IBAN della Banca, su cui viene effettuato il bonifico del contributo dalla CCIAA;
  8. Numero dei dipendenti.