Sconfortante situazione campana per quanto riguarda la sicurezza sui luoghi di lavoro

sicurezza sui luoghi di lavoro regione campania

Recentemente l’INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro, ha deciso di rendere pubblici i dati (Regione per Regione) riguardanti le denunce di infortuni avvenuti sul luogo di #lavoro, allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di adottare corrette misure di sicurezza.

La situazione in Campania

Per quanto riguarda la Campania, presa nel suo insieme, la situazione non è assolutamente favorevole. Gli infortuni registrati (e non sempre questo succede) sono aumentati, tra il 2016 e il 2017, dello 0,9 %, ovvero siamo passati da 21.918 casi a oltre 22.000 (per l’esattezza 22.123).

Sicurezza sui luoghi di lavoro : Provincia per Provincia

Per fortuna, analizzando le diverse province campane, si evince un quadro abbastanza diversificato, fatto come sempre di luci ed ombre. Partiamo dai dati positivi. Nella Provincia di Benevento si è passati da 1.241 casi a 1.134 con una riduzione del 9 %. Gli incidenti sono calati dello 0,2 % nel Salernitano, da 5.363 a 5.354. L’Avellinese è calata dello 0,5 %, da 1.741 a 1.732 casi. Ora, purtroppo, presenteremo i casi negativi.  Nella Provincia di Napoli sì è osservato un aumento degli infortuni del 3 %, da 10.898 a 10.952. Nel Casertano si è passato da 2.981 a 3.005 incidenti, con un aumento dell’1 %.

Altri dati per completare il quadro campano

Nonostante ci sia stato un aumento, in #Campania, degli incidenti sul luogo di lavoro si può anche notare che il numero di quelli mortali è calato del 13,1%, dai 69 episodi del 2016 si è giunti, nel 2017, a 60 casi. Nello specifico possiamo notare che nel Casertano il numero di incidenti mortali, 12, è rimasto invariato, mentre ad Avellino è stato di 6, 15 a Salerno. Napoli, fanalino di coda, ha registrato il numero maggiori di casi mortali, 27, un plauso, invece a Benevento, che non ha registrato alcun caso.

Riteniamo che questa iniziativa dell’INAIL sia molto importante perché, in questo modo, l’opinione pubblica potrà dibattere (speriamo in modo proficuo) su temi quali la gestione dei rischi sui luoghi di lavoro e la loro prevenzione.

La Redazione

//]]>