Contributi a sostegno del settore vitivinicolo

Interventi per lo sviluppo della filiera vitivinicola

Fine della misura è quello di sviluppare azioni di informazione, formazione e promozione per favorire conoscenza, divulgazione e sostegno allo sviluppo dei prodotti vitivinicoli .

Obiettivi  

  • Incrementare e sostenere la commercializzazione dei prodotti vitivinicoli contraddistinti da riconoscimento U.E. ai sensi del Regolamento (UE) n. 1308/2013;
  • Sviluppare azioni di informazione e divulgazione sul consumo responsabile di vino e sui regimi di qualità applicati.

Scadenza per la presentazione dei progetti: 8 settembre 2022 ore 12:00.

Richiedi una consulenza gratuita
Obiettivi
  • Incrementare e sostenere la commercializzazione dei prodotti vitivinicoli contraddistinti da riconoscimento U.E. ai sensi del Regolamento (UE) n. 1308/2013;
  • Sviluppare azioni di informazione e divulgazione sul consumo responsabile di vino e sui regimi di qualità applicati.
Spese ammissibili

Sono ammissibili le spese relative a una o più attività indicate agli articoli 21 e 24 del Regolamento (UE) n. 702/2014, ed es:

  • campagne di informazione relative ai sistemi delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche;
  • azioni di divulgazione, informazione e formazione rivolte ad operatori del settore della distribuzione e del canale HO.RE.CA.;
  • formazione professionale presso le scuole alberghiere;
  • azioni in materia di promozione e pubblicità veicolate attraverso i principali mezzi di comunicazione tradizionale;
  • partecipazioni a fiere ed esposizioni.

La realizzazione delle attività deve essere completata entro il 31 luglio 2023.

Soggetti beneficiari e requisiti
  • consorzi di tutela riconosciuti ai sensi dell’articolo 41 della legge 12 dicembre 2016, n. 238; 
  • associazioni temporanee tra i consorzi di tutela.

I soggetti indicati devono essere micro, piccole e medie imprese e possono presentare, in forma singola o in forma associata un solo progetto. In questo caso, il soggetto qualificato come mandatario assume il ruolo di referente nei confronti del Ministero circa l’esecuzione del Progetto, nonché la rappresentanza esclusiva nei confronti del Ministero medesimo dei soggetti partecipanti all’associazione temporanea.

Requisiti per i soggetti beneficiari

  • capacità tecnico-organizzativa;
  • mezzi e gli strumenti idonei (Esperienza nello svolgimento di attività simili; Presenza nell’organigramma societario di almeno due figure professionali, una con profilo amministrativo e uno tecnico, responsabili dell’attuazione delle attività).

Soggetti esclusi

Sono escluse grandi imprese, “imprese in difficoltà” e soggetti destinatari di un ordine di recupero pendente.

Soggetto attuatore

DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITA’ AGROALIMENTARE, DELLA PESCA E DELL’IPPICA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITA’ AGROALIMENTARE E DELL’IPPICA.

Presentazione domanda

I progetti devono pervenire OBBLIGATORIAMENTE tramite corriere espresso o raccomandata o a mano, in plico chiuso e sigillato, timbrato e firmato dal legale rappresentante su tutti i lembi, entro e non oltre le ore 12:00 dell’8 settembre 2022 al seguente indirizzo: Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo – Direzione Generale per la promozione della qualità agroalimentare e dell’ippica, Ufficio PQAI V – Via XX Settembre n. 20 – 00187 ROMA.

I progetti devono rispettare gli elementi contenuti negli allegati C  e D (descrizioni dettagliate, strategie, cronoprogramma ecc.) e prevedere. 

Cumulo

Gli aiuti di Stato previsti dal presente Decreto non possono essere cumulati con aiuti “de minimis” relativamente agli stessi costi ammissibili se tale cumulo porta all’intensità di aiuto prevista.

Erogazione

Il contributo può essere erogato in un’unica soluzione a saldo oppure secondo le seguenti modalità:

  • erogazione di un anticipo nella misura del 50% del contributo concesso, previa presentazione domanda di pagamento in anticipo, corredata da fideiussione bancaria o assicurativa;
  • erogazione del restante 50% del contributo concesso a conclusione delle attività.
Contributo finanziabile

L’importo minimo progetti pari ad € 100.000,00. 

La percentuale massima di contributo da erogare non supera il 90% delle spese ammissibili, comunque non superiore a € 500.000,00.