Il sindacato UGL e la sicurezza sul lavoro

A Napoli un evento sulla sicurezza organizzato dall'UGL

Si è svolta lo scorso sabato, 24 novembre, a Napoli, “Lavorare per Vivere”, manifestazione attraverso la quale il sindacato UGL intende sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della sicurezza sul lavoro

Il tour con il quale il sindacato UGL (Unione Generale Lavoro) sta sensibilizzando l’opinione pubblica sul delicato tema della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, ha fatto tappa, lo scorso sabato 24 novembre, a Napoli, in Piazza del Plebiscito.

L’evento, dal titolo “Lavorare per Vivere”, che ha inteso anche commemorare le oltre 1000 morti bianche registratesi in Italia lo scorso anno, ha visto la partecipazione dei massimi rappresentanti di UGL, ed in particolare del suo segretario generale Paolo Capone: “Nei primi 9 mesi del 2018 le morti sul lavoro ammontano a 834, l’8,5% in piu’ rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente .- ha affermato Capone nel suo intervento – Solo in Campania si sono registrati 55 decessi, di cui 16 nella provincia di Napoli. Sono numeri imbarazzanti che devono far riflettere sulla necessita’ di un maggiore impegno istituzionale con il fine di contribuire ad una implementazione dei controlli sui luoghi di lavoro”.

La prevenzione sui rischi, non un “ingombro” ma “una parte integrante del processo produttivo”

Capone ha, inoltre, sottolineato quanto sia importante informare tutti i lavoratori sui rischi nei quali possono incorrere sia nei cantieri edili che in altre realtà professionali. Infatti, si è spesso erroneamente indotti a sottovalutare questo aspetto, considerandolo, così come lo ha definito il segretario UGL, un “ingombro”; in realtà, la considerazione di tutte le precauzioni da prendere prima di cimentarsi in ogni tipo di attività lavorativa rappresenta, secondo Capone, “una parte integrante del processo produttivo”.

L’intervento di Alessandra Clemente

Alla manifestazione, svoltasi in una delle principali piazze di Napoli, ha preso parte anche Alessandra Clemente, Assessore del Comune partenopeo alla Sicurezza, la quale ha evidenziato come le numerose morti bianche non possano lasciare indifferenti le autorità politiche, sia a livello centrale che locale. E’ inaccettabile, secondo l’Assessore, che, come nel recente incidente di Pozzuoli in cui ha perso la vita un operaio, non siano rispettate nei cantieri tutte le necessarie misure di sicurezza:”Riflettere su questo problema di stringente attualità significa – secondo quanto ha affermato Clemente – rispettare pienamente il dettato della nostra Costituzione che riconosce la sicurezza sul lavoro come un diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività”.

In occasione dell’evento organizzato dall’UGL, Piazza del Plebiscito è stata riempita con un migliaio di sagome bianche, alludenti alle vittime morte sul lavoro in Italia nel 2017.

Angelo Zito

//]]>