L’Abruzzo all’avanguardia per l’utilizzo del defibrillatore

I defibrillatori rivestono un ruolo molto importante per quanto riguarda una corretta sicurezza sul luogo di lavoro.

La Giunta regionale dell’Abruzzo ha varato, recentemente, un progetto sanitario di cardioprotezione dei suoi comuni

Come abbiamo ricordato in precedenti articoli, https://www.psbconsulting.it/inail-nuova-guida-vademecum-contro-incidenti-ed-infortuni/, è di vitale importanza possedere e saper utilizzare correttamente un defibrillatore, al fine di una maggiore sicurezza sui luoghi di lavoro.

Basti pensare che in Italia circa 60mila persone muoiono, ogni anno, a causa di un improvviso arresto cardiaco. In molti di questi casi è stato riscontrato che si sarebbe potuto evitare la morte della vittima mediante l’utilizzo del defibrillatore e con un’efficace compressione toracica. Il problema risiede nel fatto che molto spesso le aziende o non sono in possesso di questo importante strumento salvavita oppure, pur possedendolo, non hanno personale preparato ad utilizzarlo correttamente.

La Regione Abruzzo avanguardia nella cardioprotezione

Recentemente per ovviare a questo problema la Regione Abruzzo, su proposta di Silvio  Paolucci (Assessore alla Sanità), ha varato un ambizioso progetto per dotare tutti i comuni abruzzesi di defibrillatori semiautomatici esterni (DAE). Non solo ma nella spesa complessiva una parte dei fondi è stata destinata alla formazione del personale idoneo ad utilizzarlo. È stata preventivata, infatti, una spesa di 251.600 euro: 170mila per l’acquisto dei DAE e 81.600 euro per la relativa formazione.

Opi (AQ) comune cardioprotetto

Opi, comune di 408 persone in Provincia dell’Aquila, da domenica 11 novembre è entrato a far parte della rete dei comuni abruzzesi cardioprotetti avendo ricevuto, dalla Regione Abruzzo, un defibrillatore semiautomatico esterno. Quest’ultimo è stato posizionato all’esterno del Municipio, dove il personale formato ad hoc lo potrà adoperare in qualsiasi momento (24 ore su 24). L’evento è stato accolto molto favorevolmente dal sindaco della piccola comunità il Dottor Berardino Antonio Paglia, il quale vede questa nuova iniziativa come un ulteriore tassello verso la modernizzazione del suo paese.

Alessandro Maria Raffone

//]]>