L’organizzazione dei viaggi di lavoro nella Pubblica Amministrazione e nelle aziende private

pagamenti elettronici per la prenotazione di viaggi on line

La mancanza di una Travel Policy sufficientemente adeguata e l’assenza di strumenti di pagamento digitali: questo l’attuale scenario della PA

I viaggi d’affari e di lavoro sono, ultimamente, sempre più diffusi ed anche molto incidenti sul mercato del Turismo. La maggior parte di queste tipologie di viaggi viene acquistata attraverso gli strumenti digitali, soprattutto per quanto riguarda le aziende private, invece, per le pubbliche lo scenario è completamente diverso.

Pare che la Pubblica Amministrazione, infatti, non abbia ancora sviluppato un piano appropriato per poter organizzare le trasferte lavorative attraverso l’utilizzo degli strumenti digitali.

La PA non si affida al digitale per i viaggi di lavoro

In base all’analisi dei dati dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo emerge che, invece, utilizzare sistemi di prenotazioni di viaggi digitali permetterebbe alle PA un notevole risparmio. Già a partire dall’azione di prenotazione risulta che il 22% delle aziende private utilizza sistemi digitali, mentre solo il 5% delle PA fa lo stesso. Tra l’altro, le aziende che utilizzano questi servizi digitali si reputano anche molto soddisfatte del loro funzionamento: il 77% di loro, infatti, dichiara di risparmiare economicamente e l’84% sottolinea anche il guadagno di tempo attraverso questo sistema.

I vantaggi dei pagamenti elettronici

Il problema maggiormente denunciato dalle PA è, però, quello di non avere i mezzi per poter procedere a soluzioni di pagamento elettroniche. Situazione completamente inversa, invece, riguarda le aziende private, delle quali l’82% preferisce soluzioni di pagamento elettroniche, che consentono anche maggior controllo sulle spese, essendo queste ultime più facilmente monitorabili e tracciabili.

Questa maggiore trasparenza sarebbe, infatti, un elemento molto positivo per il bilancio di spese delle PA, che in questo modo potrebbero evitare rendiconti truccati che, purtroppo, sono ancora molto diffusi.

La differenza tra pubblico e privato

Dunque, la differenza di modalità di gestione delle spese di viaggio tra il pubblico ed il privato è notevole ed è sotto gli occhi di tutti. È, senza dubbio, opportuno favorire lo sviluppo di modalità di pagamento elettroniche anche nelle PA, dati i vantaggi sottolineati. Il problema è che, oltre a non avere i sistemi di pagamento digitali, le PA spesso non hanno neppure una Travel Policy, ovvero l’insieme di norme e regolamentazioni per i viaggi di lavoro, appropriata, nonostante ogni viaggio di lavoro debba sottostare a vincoli fondamentali.

Certo è che in questo modo si potrebbe rendere maggiormente efficiente la spesa pubblica, proprio affidandosi al digitale, stabilendo in questo modo anche un appropriato sistema di controllo.

//]]>