La Quarta Rivoluzione Industriale: cos’è e dove ci porterà?

Conoscere realmente la Quarta Rivoluzione Industriale è fondamentale, per comprendere l’orientamento dell’economia nel prossimo futuro

Già da alcuni anni stiamo vivendo in una realtà fortemente influenzata dalla Quarta Rivoluzione Industriale; un contesto in cui Internet e le annesse tecnologie abilitanti, afferenti all’Industria 4.0, stanno rivoluzionando il nostro modo di interagire con il mondo esterno, in modi che, spesso, neppure riusciamo a comprendere appieno. 

IoT e Interfaccia Uomo – Macchina

Interfaccia Uomo – Macchina e l’Internet of Things (IoT), rappresentano due esempi calzanti. Grazie a queste tecnologie, infatti, siamo in grado di rapportarci con molti degli oggetti che ci circondano istantaneamente e rapidamente. 

Tramite i nostri smartphone, tablet e cellulari possiamo “dialogare” con la nostra casa o con l’ufficio in qualsiasi momento, anche da remoto. 

Ad esempio, possiamo vedere chi sta bussando al nostro uscio anche se siamo a 500 Km di distanza, farlo entrare e comunicare con lui tramite altoparlanti. 

Oppure siamo in grado di far funzionare complessi macchinari, grazie ad un semplice click da grandi distanze, garantendo così la sicurezza dell’operatore umano. 

Conquiste che possono sembrare di poco impatto sulle nostre vite, ma in realtà rappresentano un passo avanti importante nella quotidianità di tante persone. 

I cambiamenti economici della quarta rivoluzione industriale 

In ambito economico, sta sorgendo un nuovo tipo di attività industriale con centralità imperniata sullo sviluppo dell’automazione aziendale. La conseguenza è lo sviluppo di un rapporto diverso tra l’Uomo e la Macchina. 

Una rivoluzione con diverse condizioni di lavoro e che attua nuovi modelli di business; una sostanziale diminuzione degli sprechi aziendali accompagnato da un parallelo aumento della produttività e della qualità degli impianti. 

Smart Factory  

Smart Factory, traducibile in italiano con fabbrica intelligente, rappresenta il nuovo modo di fare industria. Aziende con produzioni integrate tramite internet (grazie alla comunicabilità tra i pc), livelli altissimi di adattabilità grazie all’utilizzo delle tecnologie abilitanti e formazione ad hoc dei dipendenti. 

Credito d’Imposta Formazione 4.0

Il Governo Italiano ha organizzato il Piano Nazionale Transizione 4.0, un vasto progetto volto a realizzare anche il pieno passaggio a questa nuova rivoluzione industriale.

All’interno di questo piano troviamo il Credito d’Imposta Formazione 4.0, sgravio fiscale che può giungere a coprire un massimo del 50% delle spese sostenute, per formare i dipendenti nelle tecnologie abilitanti.  

Grazie a queste nuove skill, il personale aziendale sarà in grado di utilizzare al meglio una vasta gamma di strumentazione tecnologica inerente all’universo del web.

Alessandro Maria Raffone