Regione Sicilia, nasce una Commissione di vigilanza sul lavoro

regione sicilia la nuovanormativa sulla sicurezza sul lavoro

Con un decreto, emanato alcune ore fa dall’Assessorato competente in materia, la Sicilia istituisce una commissione di vigilanza sui luoghi di lavoro.

La Regione Sicilia punta i riflettori sul problema “sicurezza sul lavoro”. È di alcune ore fa la notizia di un decreto (n. 5313/2018) emanato dal dirigente dell’Assessorato Regionale al Lavoro, Francesca Garoffolo, riguardante l’istituzione di una commissione di vigilanza sui luoghi in cui i cittadini si trovano ad operare (aziende, fabbriche, cantieri).

Essa sarà composta da personale appartenente all’Inail, all’Inps e soprattutto all’Ispettorato Nazionale del Lavoro, ente costituitosi in seguito al decreto legislativo 149/2015 ed operante nel nostro Paese dal 1 gennaio 2017.

Il decreto dell’Assessorato al Lavoro rientra nel novero delle iniziative indicate nel protocollo d’intesa firmato circa due anni fa tra la #Sicilia e l’Ispettorato Nazionale, così come negli accordi stipulati tra quest’ultimo ente e l’Inail nel luglio 2017.

A tutte le Regioni a Statuto Speciale lo Stato aveva concesso una certa autonomia di tempo nel creare apposite commissioni di vigilanza sui luoghi di lavoro. Nel caso siciliano, l’accelerazione di tale procedura è stata fortemente sollecitata negli ultimi mesi dal Comitato Consultivo Provinciale Inail di Palermo, presieduto da Michelangelo Ingrassia “Non posso che essere soddisfatto per quanto è stato fatto nelle ultime ore per la sicurezza di tutti i lavoratori della nostra regione – ha affermato il Presidente del Comitato Inail palermitano – L’auspicio è che l’istituzione di questa commissione di vigilanza possa aiutare a contrastare il fenomeno delle morti bianche.

Dalla Sicilia, dunque, lanciamo un messaggio importante a tutte le altre regioni italiane affinché garantiscano sempre condizioni di lavoro sicuro a tutti i cittadini”.

Nel 2017 in Sicilia sono state registrate 1029 vittime di incidenti sul #lavoro, con una percentuale di aumento rispetto al precedente anno pari all’1,1 %. Inoltre, allargando il discorso sicurezza al resto d’Italia, emergono ulteriori dati preoccupanti. Un’equipe di consulenti facenti parte dell’International Labour Organization (ILO) ha messo in evidenza, nel corso della Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro svoltasi lo scorso 28 aprile, che nelle regioni del Sud il rischio per gli operai di contrarre infortuni in fabbrica o in cantiere sia tre volte più alto rispetto a quelle del Centro Nord. E’ auspicabile, pertanto, che non solo in Sicilia ma anche nelle restanti aree del nostro Paese vengano adottate misure di sicurezza in maniera efficace ed omogenea.

//]]>